Il VISTO O

settembre 2014
 
Della categoria non-immigranti fa parte anche il visto O-1 Extraordinary Abilities”, che si riferisce a persone le quali possono vantare eccezionali abilità nel settore scientifico, artistico, dell’istruzione, imprenditoriale o atletico (“O-1A”). Per chi invece può dimostrare successi straordinari, riconosciuti a livello nazionale o internazionale, nel campo cinematografico o televisivo è disponibile il visto O-1B. 

Nel campo della scienza, istruzione, affari o di atletica, è possibile dimostrare una straordinaria capacità fornendo prova di un livello di competenza molto alto, tale da inquadrare il richiedente in quella piccola percentuale di persone ritenute tra le più esperte del settore.

La straordinaria capacità nel campo delle arti si riscontra laddove il grado di abilità è sostanzialmente superiore a quello normalmente riscontrato.

Come requisito generale per beneficiare di un visto O-1A è necessario dimostrare di aver ottenuto un importante riconoscimento a livello internazionale o, diversamente, rispondere ad almeno tre dei seguenti requisiti:

  • aver ottenuto un premio nazionale o internazionale riconosciuto, o un premio di eccellenza;
  • appartenere a un’organizzazione che esige risultati eccezionali;
  • possedere del lavoro scientifico o commerciale, originale e di grande
  • importanza, pubblicato in riviste professionali o commerciali rilevanti;
  • provare che si percepirà un alto stipendio, in relazione ad altre persone dello stesso settore;
  • essere una figura di giudice rispetto al lavoro di altri nello stesso o in un campo affine a quello che figura dalla richiesta del visto;
  • occupare una posizione essenziale in un’organizzazione.

Al fine di ottenere un visto O-1B è invece necessario dimostrare di aver ricevuto o anche di essere stato solo nominato per un importante riconoscimento o premio, nazionale o internazionale, o, diversamente possedere tre dei seguenti requisiti:

  • partecipare, con la qualifica di protagonista, in produzioni o eventi rinomati, così come segnalato da recensioni critiche o annunci;
  • ottenere un riconoscimento nazionale o internazionale attestato attraverso recensioni critiche o annunci;
  • assumere una posizione essenziale in un’organizzazione o istituto di gran fama;
  • possedere grandi successi commerciali o acclamati dalla critica, come dimostrato incassi, ratings o  altri successi professionali;
  • aver ottenuto un importante riconoscimento per i risultati conseguiti, da parte di organizzazioni, critici, agenzie governative o altri riconosciuti esperti del settore;
  • provare che si percepirà un alto stipendio in relazione alle altre persone dello stesso settore.  

Perché si possa ottenere un visto O-1 è anche necessario avere un’offerta di lavoro che sia inerente alla propria area di straordinaria abilità e che sia lo stesso datore di lavoro a presentare l’apposito modulo I-129 (Petition for Nonimmigrant Worker) al Dipartimento d’Immigrazione americano (USCIS). Tale modulo deve essere presentato almeno 45 giorni prima della data di assunzione e non può essere presentato più di un anno prima della data della richiesta di visto.

Oltre a fornire i documenti di supporto atti a dimostrare il ricevimento o la nomina per un importante riconoscimento o l’esistenza di almeno tre dei suddetti requisiti, il beneficiario, fatte salve le dovute eccezioni, dovrà fornire:

  1. una lettera di presentazione rilasciata da un gruppo di esperti nel settore di riferimento, o anche da un esperto selezionato tra il gruppo; nel caso di richiedenti con capacità straordinaria nel settore cinematografico o televisivo, la lettera di presentazione dovrà essere fornita da un’organizzazione specializzata nel settore o dal sindacato di riferimento;
  2. copia del contratto tra il datore di lavoro e il beneficiario.

Il visto O-1 permette il cosiddetto “doppio intento”. Al possessore di un visto O-1 è legalmente consentito, durante il periodo di validità del proprio visto, di candidarsi per la Green Card, ossia un permesso di residenza permanente.

Il visto O-1 può essere rilasciato anche per solo pochi mesi, tuttavia è generalmente concesso per il massimo, ossia tre anni e può essere rinnovato più volte, di anno in anno.

Esiste anche il visto O-2 dedicato agli accompagnatori di un artista o un atleta, i quali attraverso questo visto possono assistere o partecipare a eventi specifici e il visto O-3, dedicato al coniuge e ai figli minori di 21 anni di colui che beneficia di un O-1 o O-2. Il visto O-3 è soggetto allo stesso periodo di ammissione e alle stesse limitazioni del visto dal quale dipende. Coloro che hanno ricevuto un visto come coniuge o figli di un lavoratore temporaneo sono ammessi agli studi, ma non possono accedere al mercato del lavoro negli Stati Uniti, inoltre, il richiedente titolare deve essere in grado di dimostrare di poter mantenere se stesso e tutta la propria famiglia negli Stati Uniti.

I documenti necessari per la richiesta di un visto O-1 sostanzialmente sono:

  • Passaporto valido;
  • DS-156 (richiesta elettronica di visto per non immigranti);
  • Modulo I-797 Approval Notice, che è rilasciato dall’USCIS una volta approvato il modulo I-129, presentato dal datore di lavoro. 

A differenza di altri visti, il visto O-1 non prevede il possesso di una laurea, non prevede limiti al numero annuale di visti rilasciabili e, inoltre, non è richiesta la c.d. “Prevailing Wage Determination” ossia la determinazione dello stipendio minimo a cura del Dipartimento del Lavoro, infine, come detto, è un buon tramite per l’ottenimento della residenza permanente. 

Cav. Piero Salussolia,Esq. 
Avv. Gemma Caterini (admitted only in Italy)

Il presente articolo contiene informazioni di carattere generale e non sostituisce in alcun modo l’assistenza di un avvocato. Quest’articolo è stato scritto con impegno e dedizione al fine di fornire informazioni aggiornate sull’argomento trattato. Siete invitati a condividere queste informazioni con i vostri colleghi e amici, purché i contenuti, il richiamo allo Studio e i nostri contatti non siano modificati o rimossi.

IUS GENTIUM By: Piero Salussolia P.A.